Fake news, la mia interrogazione alla Commissione europea

28 novembre 2017

Le #fakenews e la propaganda digitale organizzata da Paesi terzi sono una minaccia seria per la democrazia in Europa, a partire da quei paesi come l’Italia dove presto saremo chiamati al voto. Per questo ho scritto un’interrogazione urgente alla Commissione europea per chiedere quali misure concrete intende adottare per contrastare questi fenomeni.

Su Askanews: http://www.askanews.it/politica/2017/11/27/fake-news-danti-pd-sono-una-minaccia-transnazionale-pn_20171127_00221/

Roma, 27 nov. (askanews) – “Le fake news e il loro contrasto sono argomenti topici non solo per quanto riguarda l’attualità politica, ma anche per gli effetti che possono avere sul sistema democratico europeo. Abbiamo visto che c’è stata un’influenza molto consistente in alcune elezioni a livello globale, ma soprattutto europee, si pensi al referendum Brexit, alla Francia o alla Catalogna”. È quanto ha detto a Cyber Affairs Nicola Danti, eurodeputato del Partito Democratico che ha presentato un’interrogazione urgente con la quale ha chiesto alla Commissione europea di adottare misure concrete per scongiurare l’influenza della propaganda digitale organizzata da Paesi terzi sulle prossime scadenze elettorali nei Paesi Ue, a partire dall’Italia.

Danti ricorda come la minaccia posta dalla disinformazione che viaggia in Rete sia una minaccia transnazionale, e per questo crede “che sia arrivato il momento di prendere decisioni a livello continentale”. L’auspicio di Danti è che l’esecutivo comunitario “metta all’ordine del giorno un’iniziativa che sia sicuramente di carattere politico-istituzionale, ma se serve anche normativo”.

Il tema vero, per l’eurodeputato, “è la responsabilità delle piattaforme attraverso le quali le fake news viaggiano. Visto che con alcuni algoritmi che le governano”, ha puntualizzato Danti, “le piattaforme hanno modo di verificare alcune notizie e di identificare identità digitali, non possono essere trattate come dei meri luoghi in cui ognuno mette quello che vuole”. Per l’eurodeputato il tema delle identità digitali è, in questo scenario, di particolare rilevanza, “visto che c’è sempre una responsabilità di qualcuno. C’è troppo anonimato nella Rete e quindi troppa deresponsabilizzazione”.

“Bisogna garantire”, conclude Danti riferendosi alle prossime tornate elettorali in Italia e in altri Paesi del Vecchio continente, “che il gioco sia un gioco democratico, privo di influenze esterne e privo di un utilizzo illegale delle informazioni sulla Rete”.

(fonte: Cyber Affairs)