Sharing economy, le opportunità per Firenze e la Toscana – Corriere Fiorentino

Sharing economy, le opportunità per Firenze e la Toscana – Corriere Fiorentino

Sharing economy, le opportunità per Firenze e la Toscana – Corriere Fiorentino 2094 1940 Nicola Danti

C’è un settore economico in Europa che cresce del 25% ogni anno e coinvolge fasce sempre più larghe di popolazione, anche nel nostro territorio. È l’economia collaborativa, o sharing economy: l’insieme delle piattaforme digitali e delle PMI fondate sulla condivisione di beni o servizi.

Nei mesi scorsi sono stato nominato relatore per il Parlamento europeo del dossier su questo tema. La relazione, appena presentata in commissione, arriverà in plenaria per essere approvata nella prossima primavera.

La crescita dell’economia collaborativa è sotto gli occhi di tutti: basta pensare alla nostra Regione e in particolare al capoluogo. Per fare un esempio: secondo l’Osservatorio sulla Sharing Mobility, Firenze è la città italiana col più alto livello di “mobilità condivisa”, con 17 veicoli di car sharing ogni 1000 abitanti. Un dato destinato a salire grazie ad un nuovo operatore che porterà con sé altre 100 vetture elettriche.

Accanto alle opportunità (si pensi in questo caso alle ricadute positive per la sostenibilità della mobilità cittadina), c’è tuttavia una serie di rischi che solo una regolamentazione puntuale della materia a livello europeo può scongiurare. Pensiamo ad Airbnb e all”home sharing”, che ha comportato un indubbio fattore di concorrenza al settore dell’accoglienza tradizionale in Toscana e non solo.

Nella definizione delle linee-guida europee sull’economia collaborativa dovremo mantenere il focus sulle tante comunità locali che compongono e arricchiscono il nostro continente, perché è lì che il suo impatto sulle dinamiche sociali si è già fatto evidente. Se le città sono i luoghi che per primi ne hanno sperimentato oneri e onori, la sharing economy può offrire molto anche alle zone rurali della nostra regione, comprese quelle più depresse.

Dobbiamo definire un quadro normativo in grado di ridurre il rischio di concorrenza sleale tra settori tradizionali (come taxi e alberghi) e piattaforme di collaborazione, uniformarne gli obblighi fiscali assicurando il pagamento delle imposte là dove sono generati gli utili, garantire un’adeguata protezione sociale ai lavoratori e soprattutto tutelare i consumatori. Al tempo stesso dobbiamo incoraggiare lo sviluppo di buone pratiche tra piattaforme e amministrazioni locali, come successo a Firenze con la stessa Airbnb che lancerà qui la propria offerta di “esperienze” da affiancare ai semplici affitti, con potenziali benefici per tutto il sistema economico del territorio. Una città più sharing è una città più a misura di cittadino, a patto che sia inserita in una cornice di regole chiare a partire dal livello UE.

Preferenze Privacy

Quando si visita questo sito, è possibile che le informazioni nel browser vengano archiviate da servizi specifici, in genere sotto forma di cookie. Qui puoi cambiare le tue preferenze sulla privacy. Il blocco di alcuni tipi di cookie potrebbe influire sulla tua esperienza su questo sito e sui servizi che siamo in grado di offrire.

Leggi la Privacy Policy

Per ragioni di performance e sicurezza il sito utilizza Cloudflare
necessario
Abilita/disabilita Google Analytics
Abilita/disabilita Google Fonts
Abilita/disabilita video incorporati

Il sito utilizza cookies. Imposta le tue preferenze sulla Privacy e/o accetta l'utilizzo dei cookies.